Iscrivendomi autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/2003 - Policy Privacy

Close [x]

Bonus Mobili

 

Bonus mobili ed elettrodomestici 2015: requisiti e condizioni

Con il Ddl di Stabilità 2015 il bonus mobili e grandi elettrodomestici è stato prorogato fino al 31 dicembre 2016.

I requisiti ed i parametri restano sostanzialmente invariati rispetto al 2015.

 

1) Che cosa è il Bonus Mobili

Il bonus mobili e grandi elettrodomestici consente di portare in detrazione sull'imponibile Irpef il 50% della spesa documentata per l'acquisto di mobili fino ad un massimo di 10.000 euro, rimborsabili in quote di pari importo per un periodo di 10 anni. Tale agevolazione deve essere collegata a un intervento di ristrutturazione edilizia. In relazione al limite massimo di spesa di 10.000 euro, a titolo esemplificativo: per una spesa di 8.000 euro si possono detrarre 4.000 euro, per una spesa di 14.000 euro si possono detrarre 5.000 euro. In altri termini, spendendo per mobili un importo di 10.000 euro, si ottiene uno sconto sulle imposte pari a 5.000 euro, ripartite in quote annuali di 500 euro per 10 anni .

2) Chi sono i beneficiari

I beneficiari del provvedimento sono tutti i soggetti Irpef che hanno avviato a partire dal 26.06.2012, lavori di recupero del patrimonio edilizio (manutenzione ordinaria, manutenzione straordianaria, restauro e di risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia). Hanno diritto alla detrazione:il proprietario o il nudo prorpietario e il titolare di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie); chi occupa l'immobile a titolo di locazione o comodato; i soci di cooperative; i soci delle società semplici; gli imprenditori individuali, limitatamente agli immobili che non rientarno fra quelli strumentali o merce.

3) Arco temporale dell'agevolazione

Il bonus è destinato ai soli acquisti effettuati a partire dal 6 giugno 2013 e non oltre il 31 dicembre 2016 (fa fede la data dell'effettivo pagamento secondo il criterio di cassa). Le spese per gli interventi edilizi che consentono l'accesso al Bonus Mobili devono essere sostenute nel periodo che intercorre dal 26 giugno 2012 e il 31 dicembre 2016.

4) Quali sono i beni agevolabili

L'agevolazione fiscale compete per le spese sostenute per l'acquisto di mobili/arredi, materassi apparecchi di illuminazione e grandi elettrodomestici. Mobili/Arredi – rientrano tra gli "arredi" agevolabili, a titolo esemplificativo, letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, cucine, mobili pe bagno, arredi per esterno. Nonchè i materassi e gli apparecchi di illuminazione (lampade da tavolo e da terra, lampadari, appliques etc.) che costituiscono un necessario completamento dell'arredo dell'immobile oggetto di ristrutturazione. Grandi Elettrodomestici – Rientrano nei grandi elettrodomestici, di classe energetica non inferiore alla A+, nonchè A per forni, per le apparecchiature per le quale sia prevista l'etichetta energetica.

5) Modalità di pagamento

I pagamenti devono essere effettuati tramite bonifico "parlante" dal beneficiario della detrazione, oppure tramite carta di credito o di debito (bancomat): non sono agevolabili i beni pagati in contanti oppure con assegno. E' possibile usufruire del bonus mobili anche pagando tramite finanziamento. In questo caso è necessario segnalare al rivenditore l'intenzione di usufruire del Bonus nel momento in cui viene fatta la richiesta di finanziamento, così da permettergli di attivare il corretto iter procedurale.

 

Per maggiori informazioni consultare:

- Le schede informative disponibili sul sito delle AGENZIE DELLE ENTRATE oppure sul sito FEDERLEGNOARREDO ovvero il sito CASA.GOVERNO.


Le indicazioni sopra riportate, si considerano rese a titolo meramente informativo.
Si consiglia, per accedere al beneficio fiscale bonus mobili e grandi elettrodomestici, di verificare la sussistenza dei requisiti per la detrazione, consultando il Vostro consulente di fiducia e analizzando la normativa di riferimento.